Benvenuti …
… nel sito dell’antico Priorato cluniacense di s. Egidio in Fontanella, ora Cappella vescovile. La comunità cattolica che vive nella terra bergamasca, insieme al suo Vescovo Francesco, vi saluta con semplicità e cordialità. Sono passati più di novecento anni da quando Alberto da Prezzate fondò la chiesa di S. Egidio e il monastero benedettino adiacente. Le generazioni si sono susseguite nello scorrere dei secoli, come le stagioni, come gli eventi della piccola e grande storia degli uomini. Eppure mai han cessato di risuonare nella quiete del chiostro e all’ombra delle possenti mura di questa chiesa i passi dei viandanti. Qui sono passati uomini, con il loro carico di gioie e dolori, per rivolgere una preghiera, chiedere un aiuto, ascoltare la Parola, respirare la presenza dell’Assoluto. Nel cuore della collina, tra pietre sacre e preziosi silenzi cari al santo papa Giovanni e al poeta padre Davide Turoldo, qui sarete i benvenuti, qui dove tutto parla del Dio Trinitario Padre, Figlio e Spirito Santo, e del Crocifisso Risorto, che accoglie i passi di tutti e ciascuno. Qui, ci si fa tua compagnia, fraternamente, in questo angolo di storia che percorriamo insieme. Questa è la casa del Signore, questa è casa tua: grazie per essere qui tra noi e buon viaggio!             
 il Priore, rettore dell’Abbazia

l'Angolo

Radici, di F. Guccini

La casa sul confine della sera,
oscura e silenziosa se ne sta
respiri un’aria limpida e leggera
e senti voci forse d’altra età

La casa sul confine dei ricordi
la stessa sempre come tu la sai
e tu ricerchi là le tue radici
se vuoi capire l’anima che hai

Quanti tempi e quante vite sono scivolate via da te
come il fiume che ti passa attorno:
tu che hai visto nascere e morire gli antenati miei
lentamente giorno dopo giorno

Ed io l’ultimo ti chiedo se conosci in me
qualche segno qualche traccia di ogni vita
o se solamente io ricerco in te,
risposta ad ogni cosa non capita.

Ma è inutile cercare la parole
la pietra antica non emette suono
o parla come il mondo come il sole
parole troppo grandi per un uomo

E te li senti dentro quei legami
i riti antichi e i miti del passato
e te li senti dentro come mani
ma non comprendi più il significato

Ma che senso esiste in ciò che è nato dentro ai muri tuoi
tutto è morto e nessuno ha mai saputo
o solamente non ha senso chiedersi
io più mi chiedo e meno ho conosciuto

Ed io l’ultimo ti chiedo se così sarà
per un altro dopo che vorrà capire
e se l’altro dopo qui troverà
il solito silenzio senza fine.

La casa è come un punto di memoria
le tue radici danno la saggezza
e forse è proprio questa la risposta
e provi un grande senso di dolcezza.

 

Ipse Dixit

Ho amato il mio Dio come chi, bambino nel cuore, / cerca profondi seni su cui riposare, / ho amato il mio Dio come fanciulla un uomo, / ma oh, ben questa è la cosa migliore: amare il proprio Dio come un gagliardo / avversario che gioca dietro il velo. Ezra Pound

Diario

ospitalità
Domenica 19 maggio, il gruppo famiglie della Comunità Pastorale Regina degli Apostoli _ diocesi di Milano _ ė nostro ospite per l’intera giornata. Alcuni arrivano per partecipare alla Messa della Comunità, gli altri si aggiungono per il momento del pranzo. Tempo di bilanci dell’anno trascorso e di proposte per il futuro nella riunione del pomeriggio. Verso sera il rientro a casa.   >>> Sabato 18 maggio, gli Amici di Romena Bergamo si ritrovano alla nostra Abbazia già dal mattino per una giornata dedicata alla Via della Beatitudine. Cammino di riflessione in preghiere e canti, partendo dall’Abbazia fino a Cabergnino e ritorno, guidato da Fra Raffaele, dei cappuccini di Milano SanSiro. Complice la giornata finalmente soleggiata, consumano il pranzo al sacco nel Chiostro prima di ritrovarsi in Abbazia per la celebrazione della Messa in vigilia di Pentecoste.  >> >  Ospitiamo inoltre i ragazzi cresimandi delle parrocchie di Vercurago e Pascolo per la loro giornata di ritiro alla vigilia del sacramento. Accompagnati dal catechista Mario e seguiti dal nostro Rettore la mattina si preparano al Sacramento della riconciliazione. Dopo pranzo è invece il parroco don Andrea a proporre la meditazione. A metà pomeriggio sono raggiunti dai genitori per la preghiera conclusiva in Chiesa.  >>>  Nell’’ambito del progetto ITAR – Itinerari Artistici, sono più di ottanta le persone che, su invito del prof.Cesare Gualandris insegnante dell’istituto Betty Ambiveri di Presezzo, raggiungono la nostra Abbazia nel pomeriggio salendo dal sentiero della Madonna di Prada di Mapello. In due distinti gruppi assistono alla spiegazione appassionata e approfondita del professore sulla storia e sull’architettura di Sant’Egidio.  >>>  Nella sera di sabato, accompagnati da padre Ivan dei missionari del PIME e partiti dalla Casa Natale del santo PapaGiovanni, raggiungono la nostra Abbazia percorrendo il sentiero della collina di San Giovanni, più di cinquanta giovani di Milano e dintorni. Ragazzi che questa estate saranno volontari nelle missioni PIME in giro per il mondo. Dopo la cena condivisa nel salone grande della Rettoria, si ritrovano in tarda serata in Abbazia per la Veglia di invocazione allo Spirito e per la consegna del mandato missionario.  >>>  Nei giorni 16 e 17 maggio ospitiamo in accoglienza una dozzina di Suore delle Poverelle della casa di noviziato internazionale di Albino. Il Venerdì giornata dedicata al ritiro silenzioso, guidate nelle meditazioni e nella celebrazione eucaristica da don SergioGamberoni, referente diocesano della pastorale dei migranti.  >>>  La sera di giovedì 16 maggio, benedizione e consegna di circa 40 credenziali ad altrettanti futuri pellegrini lungo il Cammino di Santiago.  >>>  Nella piovosa giornata di mercoledì 15 maggio ospitiamo una quarantina tra suore e “sorelle in ricerca”  provenienti …

Leggere di più

Segnalazioni/Corrispondenze

Quale scisma nella Chiesa – Anche nella chiesa cattolica non c’è pace e si susseguono fatti ed eventi che a volte scandalizzano, altre volte appaiono situazioni anacronistiche appartenenti a un mondo passato, quello in cui, secondo Gesù di Nazareth, “i morti seppelliscono i loro morti”. È incredibile che un uomo, un arcivescovo che dopo aver servito la chiesa per molto anni con competenza, da fedele esecutore della volontà del Papa, non avendo ricevuto gli onori sperati, sia diventato un vescovo in rivolta proprio contro la Santa Sede. Perché nel 2018 mons. Carlo Maria Viganò ha cominciato non solo a criticare l’azione del Papa — e questo può essere legittimo –, ma a delegittimarlo, chiedendogli prima di dimettersi e poi più volte dichiarandone l’indegnità a presiedere alla comunione cattolica. E a partire da allora si sono susseguiti gli attacchi al concilio Vaticano II, definito “un cancro per la chiesa”, accompagnati da un rifiuto radicale dell’azione pastorale di Papa Francesco. In verità, mons. Viganò non è stato né il primo né il solo vescovo a imboccare questa strada della rivolta: alcuni cardinali, come Gerhard Muller e Raymond Burke e alcuni vescovi come mons. Schneider, avevano inaugurato questa inedita critica verso Papa Francesco facendo paventare ad alcuni la possibilità di uno scisma. Eventualità enfatizzata soprattutto dai tradizionalisti per incutere paura alla Santa Sede e per incolpare alcune chiese, come quella tedesca, o il Papa stesso di creare divisioni nella chiesa. E va riconosciuto che a questo brusio che desta timori e frenate danno il loro appoggio anche alcuni membri della curia romana. Ma non siamo nel post-concilio, tempo di roventi polemiche in campo dottrinale e liturgico. Oggi in realtà c’è già uno scisma in atto: quello che Pietro Prini, il filosofo cattolico, chiamò “lo scisma sommerso”, che in modo silenzioso, non eclatante, si consuma ogni giorno. Infatti da trent’anni sono i giovani che lasciano la Chiesa e negli ultimi venti soprattutto le donne, come fanno notare teologi seri come Armando Matteo. Questo è lo scisma che dovrebbe preoccupare tutta la chiesa, non quello impossibile di un monsignore ribelle che si è posto da solo al di fuori della chiesa delegittimando il Papa, la sua autorità, la sua azione pastorale. Nella Chiesa di oggi non c’è possibilità di diatribe e divisioni sulla dottrina, ma ci possono essere e ci sono sempre più evidenti contrapposizioni in materia di morale ed etica, vuoi a causa della diversità delle culture in cui sono presenti le Chiese, vuoi a causa della novità di alcuni atteggiamenti pastorali dettati da una rilettura del Vangelo nell’oggi. Resta molto difficile il compito di presiedere all’unità nella Chiesa. Papa Francesco opera questo tentativo in nome del Vangelo e più lui pare obbediente al Vangelo, più troverà opposizione e scatenamento delle forze avverse. Ma non deve temere: “il resto” della Chiesa è con lui!   di E. Bianchi

Leggere di più

Via Crucis dell'oggi

Protestantesimo

Laudato sì

daQui

… editor.»)  
Si dice editor chi controlla e rivede il testo dell’autore, curandone la correttezza, la chiarezza e la coerenza stilistica e formale, prima che passi alla stampa. L’ho imparato per quelle occasioni in cui una casa editrice mi ha chiesto quel lavoro. Che consiste, pur nel rispetto autorale, di correggere inesattezze, o eliminando ripetizioni o sveltendo il ritmo; a volte si chiede di valutare il senso dell’opera ai fini di pubblicazione.  A volte bocciata, con un “non si stampi”. E così molti testi sono passati da un editore a un altro, finché, è capitato, stampato si rivela un capolavoro. A dire che un editor può canare, se gli vien chiesto un gusto letterario lontano da sé. (A proposito: il pronome sé accentato se da solo, senza accento se accompagnato da stesso: questo pure mi tocca soffrire: voi no?). Ma dove non può sbagliare, è là dove le regole non permettono licenziosità.
Io mi sono fatto sulla grammatica del Palazzi: un volume che si è marcato in me, anche per la guida del professore di liceo. (Merita almeno una parentesi: don Giuseppe Bravi, ferito nel 1944 da un’incursione di tedeschi e partigiani nel Seminario di Clusone, sfregio in testa – capelli stirati da un lato – e lievemente zoppicante: poeta di suo, fermo in una scrittura lieve e consistente: «Non vi sia scrittura che non si traduca in segni condivisi»). E dunque la punteggiatura: vedete quest’ultima e quella nel titolo? Su molti volumi ormai è invalsa – non so da chi avallata – una punteggiatura cervellotica, dove il punto chiude una parte e non il tutto. Appunto, quanti Palazzi si leverebbero dalle tombe? Ma per un punto messo male? Credo si possa giocare con le virgole, e con le minuscole dopo un interrogativo per sottolineare la continuità di una interrogazione, ma sul punto non si può transigere direbbe don Bravi (che tra l’altro fu scopritore di un testo leopardiano per il quale ebbe menzione nazionale – e non dunque un pretino qualsiasi…).
Sì, l’andazzo è “tutto lì? ci vuol altro”. Tempi in cui si declina la libertà come a ciascuno pare, sembra una cosa di nessun conto. Ma il mio fastidio di lettore, e senza la penna rossa a segnare l’errore? Dove sono e chi sono gli editor di editrici come … e qui faccio puntini-puntini, per non dir male di edizioni che pure per altro hanno dei meriti. Dove è la Crusca, che più volte ha pur detto che «la funzione delle istituzioni linguistiche non è quella di inventare e poi imporre regole grammaticali, bensì quello di attestarne e regolarne l’uso». Il fastidio è grande.
Come chi in tv e fuori spalanca piedi scalzi in scarpe di cuoio? o chi veste scarpe da tennis sotto un vestito da sposo? O come il regalo della protesi al seno che alle diciottenni stanno facendo alcuni genitori impazziti? “Ci vuol altro”? È una questione di stile nelle scelte, nella scrittura come nella vita. C’è chi c’è e chi non c’è. E forse non ci sarà mai. E se nel piccolo le regole non valgono, come volete che la terza guerra mondiale non si alimenti di giorno in giorno?  24 giugno 2024

Leggere di più

Informazioni

La chiesa abbaziale
è aperta dalle 8 del mattino fino al calar del sole.

La Domenica, e nelle feste del Signore e dei Santi, l’Eucarestia si celebra in Abbazia alle ore 10,30.

Per richieste personali al Rettore:
e-mail:
attobianchi@gmail.com
telefono: 035.4362202 (preferibilmente il mattino dalle 7,30 alle 8,30).

Per uso degli spazi della Rettoria:
telefonare o mandare sms al 339.3765458 o inviare mail:
giudittaperico@gmail.com

Apertura: tutto l’anno.
Attività: Esercizi Spirituali, Ritiri, Giornate di Spiritualità, Convegni. Ci si può far guidare o da propri referenti o dal rettore dell’Abbazia.Tipologia ospiti: sacerdoti, diaconi, religiose/i, giovani e adulti laici.

Ricettività: 20 posti letto disposti in: 1 camera singola, 1 camera a 5 posti letto singoli, 1 camera a 7 posti letto a castello. Una camera è dotata di servizio privato, le restanti camere sono dotate di servizi in comune.

Servizi: ogni giorno, possibilità di celebrazioni per gruppi.

Casa non attrezzata per accoglienza disabili.

Per disposizione vescovile in questa chiesa ordinariamente non si celebrano sacramenti di battesimo e matrimonio, se non per le persone residenti nella parrocchia_

COME RAGGIUNGERCI:
• auto e bus privati trovano parcheggi su via Fontanella alta e/o via Reg. Teoperga
• treno (la stazione più vicina, Terno, dista 4 Km)
• bus pubblici (la fermata si trova a 2 km)

PER DONAZIONI:
Cc bancario: Bianchi Attilio – Rettoria s. Egidio
Cassa rurale BCC di Treviglio s.c. – IT 73F0889952780000000370654


Il Vangelo secondo Santa Marta

Indetto il Giubileo 2025 – La speranza non delude: si intitola così, in latino Spes non confundit, la bolla con cui Papa Francesco ha indetto il Giubileo ordinario dell’anno 2025. La lettera, ai cui lettori il pontefice augura che la speranza ricolmi il cuore, chiede ai fedeli di farsi condurre da queste parole che l’apostolo Paolo scrive ai cristiani di Roma. «Tutti sperano. Nel cuore di ogni persona è racchiusa la speranza come desiderio e attesa del bene, pur non sapendo che cosa il domani porterà con sé. La speranza cristiana ci infonde serenità quando il cuore è appesantito dal fallimento e dal peccato; ci fa sognare una nuova umanità e ci rende coraggiosi nel costruire un mondo fraterno e pacifico, quando sembra che non valga la pena di impegnarsi.

Leggere di più

contrAppunti

Eppur vescovo Trumpiano entusiasta, simpatizzante putiniano, convinto no-vax (Bergoglio «ha imposto l’uso dei sieri genici sperimentali, che hanno provocato danni gravissimi, decessi e sterilità, definendoli “un atto d’amore”, in cambio dei finanziamenti delle industrie farmaceutiche»), Viganò si accanisce contro il Great Reset, i complotti globalisti della finanza internazionale, la Nato e l’Oms, George Soros e Bill Gates. Quando Francesco decide di benedire le coppie gay si scatena contro «i servi di Satana ad iniziare dall’usurpatore che siede sul soglio di Pietro». Accusa il Papa di difende i migranti perché è favorevole alla «sostituzione etnica», lo attacca perché «scrive deliranti encicliche sull’ambiente». Purtroppo è imputabile di scisma. Che peccato che la Chiesa debba attardarsi con tipi così!

Leggere di più