23rd October 2021

Benvenuti …
… nel sito dell’antico Priorato cluniacense di s. Egidio in Fontanella, ora Cappella vescovile. La comunità cattolica che vive nella terra bergamasca, insieme al suo Vescovo Francesco, vi saluta con semplicità e cordialità. Sono passati più di novecento anni da quando Alberto da Prezzate fondò la chiesa di S. Egidio e il monastero benedettino adiacente. Le generazioni si sono susseguite nello scorrere dei secoli, come le stagioni, come gli eventi della piccola e grande storia degli uomini. Eppure mai han cessato di risuonare nella quiete del chiostro e all’ombra delle possenti mura di questa chiesa i passi dei viandanti. Qui sono passati uomini, con il loro carico di gioie e dolori, per rivolgere una preghiera, chiedere un aiuto, ascoltare la Parola, respirare la presenza dell’Assoluto. Nel cuore della collina, tra pietre sacre e preziosi silenzi cari al santo papa Giovanni e al poeta padre Davide Turoldo, qui sarete i benvenuti, qui dove tutto parla del Dio Trinitario Padre, Figlio e Spirito Santo, e del Crocifisso Risorto, che accoglie i passi di tutti e ciascuno. Qui, ci si fa tua compagnia, fraternamente, in questo angolo di storia che percorriamo insieme. Questa è la casa del Signore, questa è casa tua: grazie per essere qui tra noi e buon viaggio!             
 il Priore, rettore dell’Abbazia

l'Angolo

I PASTORI
di Gabriele D’Annunzio 

Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare.
Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori
lascian gli stazzi e vanno verso il mare:
scendono all’Adriatico selvaggio
che verde è come i pascoli dei monti.

Han bevuto profondamente ai fonti
alpestri, che sapor d’acqua natía
rimanga ne’ cuori esuli a conforto,
che lungo illuda la lor sete in via.
Rinnovato hanno verga d’avellano.

E vanno pel tratturo antico al piano,
quasi per un erbal fiume silente,
su le vestigia degli antichi padri.
O voce di colui che primamente
conosce il tremolar della marina!

Ora lungh’esso il litoral cammina
la greggia. Senza mutamento è l’aria.
il sole imbionda sì la viva lana
che quasi dalla sabbia non divaria.
Isciacquío, calpestío, dolci romori.

Ah perché non son io cò miei pastori?

Ipse Dixit
  Dobbiamo acquisire una pace e una armonia mentale  tale da poter dare il dovuto peso ad ogni parola di critica, e poterci umiliare di fronte ad ogni parola di apprezzamento. Dag Hammarskjöld

Diario

:::: per l’ospitalità a sant’Egidio in Fontanella: animatori di gruppi parrocchiali, giovanili e adulti, possono trovare qui un luogo di silenzio operativo: perciò si privilegia la loro presenza rispetto a quella di ragazzetti, anche perché i ridotti spazi della Rettoria non si confanno alle esigenze di moto dei più piccoli :::: per contatti vedi sotto nel riquadro “informazioni” ::::

autunno nei suoi colori

Con l’arrivo del mese di settembre, con la ripresa di tutti gli impegni anche all’interno delle nostre parrocchie, confidiamo in rinnovate presenze nella, si spera, ritrovata quotidianità.
Domenica 19 settembre: accompagnati dal parroco don Ivan, una decina di componenti dell’équipe educativa dell’unità pastorale di Rovetta, vivono una giornata di preghiera e condivisione. Dopo la mattinata a Sotto il Monte sui passi del Santo papa Giovanni e il pranzo nel nostro salone grande, è il momento della meditazione. Prima di ripartire a metà pomeriggio la celebrazione della Santa Messa in una Chiesa buia illuminata dalla luce fioca di candele, a causa dell’interruzione di energia elettrica per un violento temporale.
Sabato 18 settembre, in tarda serata. Don Luca, curato di Terno d’Isola, accompagna un folto gruppo di ragazzi adolescenti ad un lungo cammino per i sentieri del Monte Canto. Partiti nel tardo pomeriggio dal traghetto leonardesco di Villa d’Adda raggiungono attraverso i boschi la nostra Abbazia verso le ventuno e trenta per vivere un momento di Veglia. Alle soglie della notte, ripartono di nuovo a piedi per raggiungere l’oratorio e il meritato riposo in una notte di “sonno condiviso”.
Pomeriggio del sabato di riflessione, confronto e programmazione per i componenti dell’equipe educativa della parrocchia di Calusco d’Adda accompagnati dal parroco don Santino e dal curato don Michael.
Nel fine settimana dal 10 al 12 settembre ospitiamo in accoglienza una decina di giovani operatori del PIME di Milano accompagnati da padre Alessandro e padre Ivan. Giorni dedicati alla preghiera, alla riflessione, allo stare insieme nella bellezza del “ritrovarsi”, finalmente.
Nel pomeriggio di sabato 11 settembre, come da tradizione consolidata negli anni, il gruppo catechisti della parrocchia di Carvico si ritrova per il ritiro di preghiera di inizio anno.
Nel tardo pomeriggio, don Attilio celebra una Messa a ricordo di Stefano Bianchi, suo cugino e fratello del nostro organista GiamPaolo, ad un mese dalla prematura scomparsa.
Mercoledì  8 settembre, padre Espedito della Comunità dei Servi di Maria celebra in occasione del 50’ anniversario di matrimonio dei coniugi Biagina e Renato Sala, attorniati da figli e nipoti.
Nel tardo pomeriggio di martedì 7 settembre, il gruppo Ado della parrocchia di Campagnola conclude alla nostra Abbazia la 3giorni di convivenza alla Domus di Ambivere. Meditazione proposta dal parroco don Enrico, momento di silenzio e lavoro personale, celebrazione della Santa Messa e scambio delle riflessioni a scandire i tempi.
Domenica 5 settembre: solenne celebrazione in onore dei santi patroni Egidio e Alberto: omelia del rettore che propone la regola benedettina come propria di ogni cristiano; dolcetto molto apprezzato, in sostituzione della convivialità nel chiostro rimandata anche quest’anno a tempi migliori.
Il mese di agosto è trascorso tra le molte presenze di chi è salito per una visita e una preghiera, tra chi si è ritrovato all’Abbazia durante una passeggiata a piedi o in bicicletta, magari scoprendo la bellezza del luogo per la prima volta, e chi ha cercato un po’ di sollievo al caldo sulla nostra collina. Molte le preghiere lasciate sul nostro libro, per tutti un ricordo durante le nostre celebrazioni, soprattutto per chi vive momenti di fatica. La nostra accoglienza ha naturalmente registrato poche presenze: giornate di ritiro silenzioso per qualche amico e visite per piccoli gruppi.
Nell’ ultimo fine settimana agostano abbiamo ospitato una ventina di ragazzi del gruppo adolescenti della parrocchia di Boccaleone in Bergamo, accompagnati del curato don Stefano. Quattro giorni per ri-trovarsi, per re-imparare a stare insieme nella condivisione degli impegni, del divertimento, della riflessione, della preghiera. Spazio anche alle passeggiate, con la salita al Monte Canto nella giornata di venerdì e la celebrazione della messa nella Chiesetta di Santa Barbara e alla festa del pranzo nella giornata di sabato con gli adulti saliti da Bergamo.

Leggere di più

Segnalazioni/Corrispondenze

Leggere di più

Via Crucis dell'oggi

Protestantesimo

Laudato sì

daQui

insieme, ma chi? – Nell’indice di argomenti che mi girano per la testa, a seconda dei giorni delle letture e soprattutto degli incontri, ci sta questo e altro: vogliono certi cattolici uno stato confessionale, né più né meno di uno sharia islamica? e dunque quello che dicono di voler combattere? Con tutti i corollari su cui fanno silenzio, approvando: una critica serrata – al richiamo all’ordine di Francesco papa sulle cosiddette messe in latino, che di fatto sono messe anticonciliari; una radiomaria polacca che incita all’antisemitismo, e fa da bordone al nazionalismo di marca neofascista dei loro governanti; le amicizie di certi politici italiani, da quei cattolici votati a piene mani (si macchiassero di nero in certe celebrazioni religiose, le chiese saprebbero di che pasta è fatta l’inno di lode al Creatore!) con le nefandezze di Putin e/o di Trump; insomma, non è solo (ahimè) la comunione da negare, che sembra essere l’argomento principe del vescovado statunitense, a dire in quale dirupo stiamo sprofondando. E poi temete un bello scisma? Lo scongiura papa Francesco, e certamente alla fin fine ha ragione lui, e non io. Però, della serie che nella chiesa del Signore è accettabile credenti diversamente cattolici, dico sommessamente e rispettosamente al papa, fino a che punto? Lo spirito di appartenenza, il rispetto, la lealtà e, perché no?, il senso del dovere, se non li abita, perché coerentemente non si decidono per altrove? Per ignoranza. Questo mi dice un amico di vecchia data, che sta sulla soglia: ancora eucaristico, ma tentato di andarsene da un apparato che contiene tutto e il contrario di tutto. Che è di chi prega secondo quanto crede senza glosse tradizionaliste, e di chi prega secondo quanto gli piace della religione. Ignoranza dei termini. Ignoranza del Vangelo. Stiamo lavorando male, mi son permesso di dire in una recente assemblea con il Vescovo. Ottenendo una risposta di assordante silenzio. Un gregge diminuito dal Covid, o dai decenni in cui si son chiuse le finestre al Vento del Vaticano secondo? Chiuse allo Spirito che chiamava altrove rispetto a un rassicurante sé ecclesiastico. Generare aspettative è generare illusioni: così si sono difesi i rinserrati, …   23 ottobre 2021

Leggere di più

Informazioni

La chiesa abbaziale
è aperta dalle 8 del mattino fino al calar del sole.

La Domenica, e nelle feste del Signore e dei Santi, l’Eucarestia si celebra in Abbazia alle ore 10,30.

Per richieste personali al Rettore:
e-mail:
attobianchi@gmail.com
telefono: 035.4362202 (preferibilmente il mattino dalle 7,30 alle 8,30).

Per uso degli spazi della Rettoria:
telefonare o mandare sms al 339.3765458 o inviare mail:
giudittaperico@gmail.com

Apertura: tutto l’anno.
Attività: Esercizi Spirituali, Ritiri, Giornate di Spiritualità, Convegni. Ci si può far guidare o da propri referenti o dal rettore dell’Abbazia.Tipologia ospiti: sacerdoti, diaconi, religiose/i, giovani e adulti laici.

Ricettività: 20 posti letto disposti in: 1 camera singola, 1 camera a 5 posti letto singoli, 1 camera a 7 posti letto a castello. Una camera è dotata di servizio privato, le restanti camere sono dotate di servizi in comune.

Servizi: ogni giorno, possibilità di celebrazioni per gruppi.

Casa non attrezzata per accoglienza disabili.

Per disposizione vescovile in questa chiesa ordinariamente non si celebrano sacramenti di battesimo e matrimonio, se non per le persone residenti nella parrocchia_

COME RAGGIUNGERCI:
• auto e bus privati trovano parcheggi su via Fontanella alta e/o via Reg. Teoperga
• treno (la stazione più vicina, Terno, dista 4 Km)
• bus pubblici (la fermata si trova a 2 km)

PER DONAZIONI:
Cc bancario: Bianchi Attilio – Rettoria s. Egidio
Cassa rurale BCC di Treviglio s.c. – IT 73F0889952780000000370654


Il Vangelo secondo Santa Marta

La pandemia ci ha mostrato che non possiamo restare sempre sani in un mondo malato. Negli ultimi tempi tanti si sono malati di dimenticanza, di Dio e dei fratelli. Nella società globalizzata, che spettacolarizza il dolore ma non lo compatisce, abbiamo bisogno di costruire compassione per non lasciare che la vita dei popoli si riduca a un gioco tra potenti. Meno armi e più cibo, meno ipocrisia e più trasparenza, più vaccini distribuiti equamente e meno fucili venduti. La preghiera e l’azione possono riorientare il corso della storia.

Leggere di più

contrAppunti

Elly Schlein, vicepresidente dell’Emilia-Romagna e con la lista «Coraggiosa» vincitrice morale nel vittorioso centrosinistra bolognese, intervistata da Francesco Battistini, a proposito della presenza delle donne nella politica, alla domanda “a Roma, l’unica leader donna è la Meloni…” risponde: “C’è differenza fra leadership femminile e femminista. Non ce ne facciamo niente d’una leader che non difende i diritti delle donne o parla di blocchi navali, senza dire una parola sulle diseguaglianze di genere. E poi: se ha cento ore per guardarsi lo sbobinato di Fanpage (sui finanziamenti occulti al suo partito n.d.r.), trovi dieci secondi per dichiararsi antifascista”.

Leggere di più