19th August 2019

Benvenuti …

… nel sito dell’antico Priorato cluniacense di s. Egidio in Fontanella, ora Cappella vescovile. La comunità cattolica che vive nella terra bergamasca, insieme al suo Vescovo Francesco, vi saluta con semplicità e cordialità. Sono passati più di novecento anni da quando Alberto da Prezzate fondò la chiesa di S. Egidio e il monastero benedettino adiacente. Le generazioni si sono susseguite nello scorrere dei secoli, come le stagioni, come gli eventi della piccola e grande storia degli uomini. Eppure mai han cessato di risuonare nella quiete del chiostro e all’ombra delle possenti mura di questa chiesa i passi dei viandanti. Qui sono passati uomini, con il loro carico di gioie e dolori, per rivolgere una preghiera, chiedere un aiuto, ascoltare la Parola, respirare la presenza dell’Assoluto. Nel cuore della collina, tra pietre sacre e preziosi silenzi cari al santo papa Giovanni e al poeta padre Davide Turoldo, qui sarete i benvenuti, qui dove tutto parla del Dio Trinitario Padre, Figlio e Spirito Santo, e del Crocifisso Risorto, che accoglie i passi di tutti e ciascuno. Qui, ci si fa tua compagnia, fraternamente, in questo angolo di storia che percorriamo insieme. Questa è la casa del Signore, questa è casa tua: grazie per essere qui tra noi e buon viaggio!                        il Rettore

 Diario

 :::: per l’ospitalità a sant’Egidio in Fontanella: animatori di gruppi parrocchiali, giovanili e adulti, possono trovare qui un luogo di silenzio operativo; perciò si privilegia la loro presenza rispetto a quella di bambini o ragazzi, anche perché i ridotti spazi della Rettoria non si confanno alle esigenze di moto dei più piccoli ::::  ::: per contatti vedi sotto nel riquadro “informazioni” :::: 

Sabato 20 luglio, nel pomeriggio: don Egidio Pellegrini celebra il matrimonio di Serenella e Stefano, della Botta.   >>>   Giovedì 18 ospitiamo DonOmar, curato di Zanica, con i quattro coordinatori del CRE per un pomeriggio di verifica e revisione.   >>>   Mercoledì 17, un piccolo gruppo di giovani ospiti dello Spazio Autismo di Pontida e di adulti del Centro Diurno Disabili di Calusco, accompagnati dagli educatori, per un pomeriggio di leggerezza.   >>>   Nelle serate di martedì 16 e mercoledì 17, Padre Mila sacerdote slovacco, qui in terra bergamasca per omaggiare papa Giovanni, celebra la Santa Messa in lingua alla presenza dei familiari.   >>>   Domenica 14, ospitiamo per l’intera giornata il gruppo di Lecco dell’associazione Missione Belem che, dopo aver partecipato alla Messa della Comunità, si raccoglie  nel salone grande per rivedere il lavoro dell’anno e programmare i prossimi impegni.  >>   Nella prima settimana di luglio ospitiamo in accoglienza Padre Giovanni Manco del PIME di Sotto il Monte che, in silenzio e preghiera, si prepara alla partenza verso la missione brasiliana.   >>>   Martedì 2, nel tardo pomeriggio, accolti dal Rettore, sono in visita alla nostra Abazia Mons. Vincenzo Pisanello Vescovo della diocesi di Oria – Taranto – con una ventina di giovani sacerdoti da lui tutti ordinati nei nove anni di servizio pastorale nella Comunità. Cantano i vespri, ascoltano un breve sermone del rettore, e ripartono felici verso il Seminario diocesano che li ospita in questi giorni di terra bergamasca.  >>>   Venerdì 28 giugno: la festa nei cinquant’anni di ordinazione del Rettore si risolve  di sera con una sentita sobria celebrazione – secondo i desiderata del festeggiando – che raccoglie i numerosi amici di comunità e di fuori: a tutti viene servito, a seguire, un “rinfresco” poco sobrio.   >>>   Da lunedì 24 giugno, una tre giorni di una ventina di insegnanti della scuola delle Orsoline di Fiorano: per  vivere e costruire fraternità.   >>>  Domenica 23, solennità del Corpus Domini. Concelebrano con il nostro Rettore Padre Luigi e Padre Alessandro del PIME di Monza che accompagnano una quindicina di ragazzi del gruppo biblico, e Padre Massimo, gesuita milanese, guida spirituale del gruppo CVX della Comunità San Giorgio di Bergamo. Dopo la Messa il gruppo del PIME incontra il Rettore per una riflessione sulla figura di Padre Turoldo, prima di salire per una pomeriggio di svago al Monte Canto. Il gruppo CVX è invece ospite in Rettoria fino al tardo pomeriggio per una giornata di fraternità.    >>>   Sabato 22: ospitiamo fino a metà pomeriggio Fra Maurizio e i responsabili dell’Associazione Amici del Convento di Baccanello per un momento di revisione e di programmazione.    >>>    Nel pomeriggio l’Equipe Notre Dame di Garlate – Lecco si ritrova per un momento di ritiro guidato dal chierico Luigi dei padri Somaschi. Al tramonto la celebrazione della Santa Messa e la cena nel salone grande della Rettoria prima del rientro a casa.   >>>   Giovedì 20, nel pomeriggio.  I volontari dell’Associazione Il Melograno di Fiorano accompagnano in visita guidata all’Abbazia una cinquantina di anziani. Merenda in salone prima di tornare a casa.   >>>   Da lunedì 17 a mercoledì 19 giugno ospitiamo i sacerdoti della Comunità Pastorale di Mapello-Ambivere-Valtrighe per tre giorni di revisione, discernimento, programmazione.   >>>   Domenica 16: partecipano alla Messa della Comunità un gruppo di famiglie di Verderio con suor Innocenza, facilitatrice del loro gruppo che si ritrova periodicamente a riflettere sui temi proposti dall’enciclica “Amoris laetitia”.   >>>   Pomeriggio di ritiro per i catechisti della parrocchia di Comun Nuovo accompagnati dal parroco don Claudio e dal seminarista Davide. Spazio anche ad un momento di riflessione itinerante lungo i sentieri verso la Madonna di Prada e ritorno, prima di una meritata pizza in compagnia nel salone grande.   >>>   Sempre domenica 16 nel pomeriggio, la Comunità Pastorale San Francesco d’Assisi di Mariano Comense  

Leggere di più

Segnalazioni / Corrispondenze

nel caso vi possa sfuggire in quest’estate così calda e non solo per il sole, un bellissimo affondo di Selvaggia Lucarelli (che ringraziamo per la gentile concessione): occorre bacchettare i “mori da ultima spiaggia” con qualche sorriso intelligente 

“Matteo, Medjugorje è Mark Caltagirone”.                                                Lettera al leghista: “Mi tenga fuori dalla propaganda”.

Caro Matteo, mi presento: sono la Beata Vergine Maria, colei che ieri hai ringraziato in un tweet. Di solito non mi scomodo a rispondere ai tanti che mi invocano, ma visto che Papa Francesco mi ha definita l’influencer di Dio e tu sei l’influencer di una buona fetta di italiani che credono nel tuo verbo (nello specifico il verbo ruspare), scendo momentaneamente sulla Terra e ti spiego un paio di cose. Io ne ho sopportate tante nella vita, compreso Paolo Brosio. Avevo fatto la gnorri anche quando in piazza, a Milano, hai baciato il rosario e hai affidato il paese “all’Immacolato cuore di Maria”. Ho sperato che ti rivolgessi alla De Filippi, magari aspirando a un falò di confronto con la Isoardi. Adesso però non riesco più a tacere. TI SEI DEFINITO felice che il decreto Sicurezza bis sia passato proprio “il 5 agosto che per chi è stato a Medjugorje rappresenta il compleanno della Vergine Maria”. Tanto per cominciare: grazie per il pensiero, Matteo, ma come certi mariti distratti hai toppato la data. Io sono nata l’8 settembre. Il 5 agosto è nata la Madonna di Medjugorje, nello specifico una collega che non esiste, una che definirei la Mark Caltagirone delle apparizioni mariane, per fare un esempio alla tua portata. Guarda, te la faccio più semplice ancora: l’apparizione della Madonna di Medjugorje non è mai avvenuta, la sparizione dei 49 milioni della Lega invece sì. E, siccome il mio superiore è pure spiritoso, tu ti chiami Matteo come San Matteo, il santo protettore della Guardia di Finanza, pensa che graziosa boutade ti ha dedicato. Detto ciò, visto che ti piace credere a un legame simbolico tra date e avvenimenti, te ne rivelo uno io: tu sei nato il 9 settembre e sai chi è nato il 9 settembre come te a parte l’Inter (e tu sei milanista, che soave giubilo)? La Barbie! Vedi, il 9 settembre sono nati due dei pupazzi più famosi della storia! Non trovi che questo, sì, sia un preciso segno dell’esistenza di Dio? Un disegno divino? E ora passiamo a qualche lezione di Mariologia. No Matteo, non ti stai confrontando con una giornalista, non mi rispondere con strafottenza che la biografia dell’amico Mario Giordano la conosci benissimo. La mariologia è la branca della teologia che studia me, Maria. Vedi,                                                                  

Leggere di più

Via Crucis dell'oggi

Protestantesimo

Laudato sì

daQui

letture estive – “Lo vediamo tutti i giorni: nei necrologi dei teenager che omettono vistosamente la causa della loro morte (leggendo tra le righe si capisce che è un overdose), negli sbandati con cui vediamo le nostre figlie sprecare il loro tempo. Barack Obama fa risaltare le nostre insicurezze più profonde. È un buon padre mentre molti di noi non lo sono… Sua moglie ci dice che non dovremmo dare da mangiare ai nostri figli certe cose, e noi la odiamo per questo: non perché pensiamo che abbia torto, ma perché sappiamo che ha ragione”. Questo è un passo da «Elegia americana» di J.D.Vance: una analisi lucida sul proletariato bianco in crisi e pieno soltanto di ruggine e rabbia. E non solo in America. Un pezzo letterario che accumula con altri uno sguardo retrospettivo, ma fiondato su ciò che ci potremmo aspettare nelle stagioni prossime. Se dell’estate facciamo una stagione di sintesi. Di tante letture si prestano i giorni estivi, per una visione della vita finalmente racchiusa dentro un globo unificante. Sensazioni, vissuti, distacchi, incomprensioni. Tutto in uno. Quella maggioranza di persone persuase di essere più informate degli esperti: le stagioni che stiamo vivendo sono bersagliate da chi nella scienza, nella medicina e soprattutto nella politica fa della mancanza di preparazione una teorizzazione. “Incompetente e me ne vanto”: poteva tutta la secolare sapienza socratica subire un affronto simile? Eppure diventa strumento di ampio consenso (elettorale). A causa della pretesa di saper tutto, ci saranno sempre degli eschimesi pronti a dettare legge sul come debbano comportarsi gli abitanti del Congo durante il massimo della calura: così l’aforisma di Jerzy Lec, scampato ai lager nazisti, può decifrare al meglio quanto accade. Anche nella Chiesa. Per la verità da qualche settimana sembra che sia calata una stasi: forse gli oppositori per partito preso stanno vacando; ma, come scrive N. Schmitz, forse che ”qualsiasi cosa faccia Francesco adesso la Chiesa cattolica è ormai sprofondata in una vera e propria guerra civile”? E proprio sulla scorta di chi crede di sapere quel che non sa. Bonaccia come quiete prima della tempesta? Una nuova barbarie che si riveste di paludamenti antichi per non mostrare la propria nudità in profezia? Ammettere che le tensioni xenofobe hanno toccato i cristiani, 

Leggere di più

Informazioni

 

La chiesa abbaziale
è aperta dalle 8 del mattino fino al calar del sole.

La Domenica, e nelle feste del Signore e dei Santi, l’Eucarestia si celebra in Abbazia alle ore 10,30.

Per richieste personali al Rettore:
e-mail:
attobianchi@gmail.com
telefono: 035.4362202 (preferibilmente il mattino dalle 7,30 alle 8,30).

Per uso degli spazi della Rettoria:
telefonare o mandare sms al 339.3765458 o inviare mail:
giudittaperico@alice.it

Apertura: tutto l’anno.
Attività: Esercizi Spirituali, Ritiri, Giornate di Spiritualità, Convegni. Ci si può far guidare o da propri referenti o dal rettore dell’Abbazia.Tipologia ospiti: sacerdoti, diaconi, religiose/i, giovani e adulti laici.

Ricettività: 20 posti letto disposti in: 1 camera singola, 1 camera a 5 posti letto singoli, 1 camera a 7 posti letto a castello. Una camera è dotata di servizio privato, le restanti camere sono dotate di servizi in comune.

Servizi: ogni giorno, possibilità di celebrazioni per gruppi.

Casa non attrezzata per accoglienza disabili.

Per disposizione vescovile in questa chiesa ordinariamente non si celebrano sacramenti di battesimo e matrimonio, se non per le persone residenti nella parrocchia_

COME RAGGIUNGERCI:
• auto e bus privati trovano parcheggi su via Fontanella alta e/o via Reg. Teoperga
• treno (la stazione più vicina, Terno, dista 4 Km)
• bus pubblici (la fermata si trova a 2 km)

PER DONAZIONI:
Rettoria s. Egidio
Cassa rurale BCC di Treviglio – fil. Sotto il Monte Giov XXIII
IT34 O 08899 61440 00000 0370654


Il Vangelo secondo Santa Marta

84. Solo da benedetti possiamo benedire gli altri con la stessa unzione d’amore. È triste vedere con quanta facilità oggi si maledice, si disprezza, si insulta. Presi da troppa frenesia, non ci si contiene e si sfoga rabbia su tutto e tutti. Spesso purtroppo chi grida di più e più forte, chi è più arrabbiato sembra avere ragione e raccogliere consenso. Non lasciamoci contagiare dall’arroganza, non lasciamoci invadere dall’amarezza, noi che mangiamo il Pane che porta in sé ogni dolcezza.

Leggere di più

Contrappunti

ADDIO

Leggere di più