Giorni natalizi

lunedì 24 dicembre ore 10-12 e 15-18, confessioni personali_ ore 21, 30 celebrazione della notte_

martedì 25 e mercoledì 26  ore 10,30 Eucarestia

19th February 2019

Benvenuti ...

… nel sito dell’antico Priorato cluniacense di s. Egidio in Fontanella, ora Cappella vescovile. La comunità cattolica che vive nella terra bergamasca, insieme al suo Vescovo Francesco, vi saluta con semplicità e cordialità. Sono passati più di novecento anni da quando Alberto da Prezzate fondò la chiesa di S. Egidio e il monastero benedettino adiacente. Le generazioni si sono susseguite nello scorrere dei secoli, come le stagioni, come gli eventi della piccola e grande storia degli uomini. Eppure mai han cessato di risuonare nella quiete del chiostro e all’ombra delle possenti mura di questa chiesa i passi dei viandanti. Qui sono passati uomini, con il loro carico di gioie e dolori, per rivolgere una preghiera, chiedere un aiuto, ascoltare la Parola, respirare la presenza dell’Assoluto. Nel cuore della collina, tra pietre sacre e preziosi silenzi cari al santo papa Giovanni e al poeta padre Davide Turoldo, qui sarete i benvenuti, qui dove tutto parla del Dio Trinitario Padre, Figlio e Spirito Santo, e del Crocifisso Risorto, che accoglie i passi di tutti e ciascuno. Qui, ci si fa tua compagnia, fraternamente, in questo angolo di storia che percorriamo insieme. Questa è la casa del Signore, questa è casa tua: grazie per essere qui tra noi e buon viaggio!

il Rettore

L'Angolo

Poesie brevi

tutti i vicini pensano
che noi siamo
strani.
e noi pensiamo
lo stesso di loro.
e facciamo
tutti
centro.
(Charles Bukowski)

Non provo invidia
per nessuno
quando mi fermo a guardare
il vento
sul pioppo.
(Abbas Kiarostami)

Che follia!
Il mio cuore ogni volta che sente bussare
apre la porta
(Maram al-Masri)

Diario

:::: per l’ospitalità a sant’Egidio in Fontanella: animatori di gruppi parrocchiali, giovanili e adulti, possono trovare qui un luogo di silenzio operativo; perciò si privilegia la loro presenza rispetto a quella di bambini o ragazzi, anche perché i ridotti spazi della Rettoria non si confanno alle esigenze di moto dei più piccoli :::: per contatti vedi sotto nel riquadro “informazioni”__ 

Nei giorni di venerdì 25 a sabato 26 gennaio ospitiamo in accoglienza un piccolo gruppo di preAdolescenti della parrocchia di Romano-Cappuccini accompagnati dal curato donLoris e dagli educatori. Due giorni per stare insieme, nella riflessione, nella preghiera nella condivisione.   >>>   Sabato 26 gennaio, nella tarda mattinata. Don Alberto Caravina celebra una Messa in suffragio di Angela, già sua parrocchiana a San Gervasio, funerata in settimana. Presenti una cinquantina di parenti.   >>>   Domenica 20 gennaio, pomeriggio di preghiera, di ponderazione e di confronto sui nuovi progetti per il gruppo catechisti dell’iniziazione cristiana della parrocchia di Boltiere. Ad accompagnarli, il nuovo curato donLuca.   >>>   Domenica 20 gennaio, per l’intera giornata, ospitiamo i vertici e i coordinatori regionali di SERVAS Porte Aperte – associazione di “costruttori di pace” attraverso viaggi accoglienza e incontro di persone e culture – per una giornata di formazione. Una cinquantina i delegati arrivati da quasi tutte le regioni d’Italia per incontrare i membri del nuovo Comitato esecutivo.   >>>   Sabato 19 gennaio, giornata di ritiro per il Gruppo giovani della parrocchia di Cividino accompagnati dal parroco don Emilio e dai seminaristi Davide e Daniel.   >>>   Domenica 13 gennaio, nel pomeriggio: don Luca curato di Boltiere, accompagna una decina di giovani educatori dell’oratorio per un momento di revisione di quanto fatto e di programmazione delle prossime attività.  >>>   Nello stesso giorno, pomeriggio di ritiro per il gruppo catechisti delle parrocchie di Vercurago e Pascolo accompagnato dal nuovo parroco don Andrea. La sera, dopo il canto dei Vespri in Abbazia, cena nel salone prima del rientro a casa.   >>>   Mercoledì 9 gennaio, verso mezzogiorno. Una ventina di aderenti al Gruppo Trekking Italia, arrivati da Milano in treno e saliti da Pontida lungo il sentiero del Monte Canto sono in visita guidata alla nostra Abbazia. Pranzo al sacco nel salone prima del rientro a Pontida.   >>>   All’ora di pranzo nel giorno dell’Epifania ospitiamo nel salone una decina di amici provenienti da diverse province lombarde che, in cammino lungo i sentieri del Monte Canto, chiedono ospitalità in un luogo caldo, dopo un’accurata visita al sito abbaziale.   >>>   Nel fine settimana del 5 e 6 gennaio ospitiamo un gruppo di ragazzi adolescenti della parrocchia di Ponte San Pietro accompagnati dagli educatori suor Terry e Diego, per due giorni di “stare un po’ insieme “.   >>>   Nei giorni dal 3 al 4 gennaio ospitiamo in accoglienza una quindicina di ragazzi della parrocchia di Monte Marenzo accompagnati dal parroco don Giuseppe e dai catechisti.Due giorni di ritiro in preparazione alla festa dell’Epifania, giorno in cui riceveranno il sacramento della Cresima.   >>>   Nel fine settimana dal 28 al 30 dicembre ospitiamo in accoglienza gli aderenti al meratese Circolo Selvanesco per la tradizionale uscita di fine anno dedicata all’ascolto delle riflessioni di don Marcellino Brivio. Tema di quest’anno “Il respiro del silenzio”.   >>>   Giovedì 27 , nel pomeriggio. Dalla città di Milano in pellegrinaggio nella terra del Santo Papa Giovanni un gruppo di Laiche consacrate dell’Ordo Virginis accompagnate da don Davide, loro guida spirituale: sono dapprima accolte dal nostro Rettore per un approfondimento della figura di PadreTuroldo, e poi accompagnate in visita guidata all’Abbazia e alla sua storia.

Leggere di più

Segnalazioni / Corrispondenze

Istituzioni e Parolacce

Questa lettera è apparsa su Repubblica: la ritengo consona agli umori di molti cittadini come me. Se lo è anche per voi, potete diffonderla E.BJ

Egregi signori,
in nome e per conto del sottoscritto ma anche, per usare un argomento a voi noto, dei cittadini italiani che vi remunerano e/o vi hanno remunerati molto al di là delle vostre modestissime competenze, sono a significarvi quanto segue: nel commentare le polemiche sulla realizzazione (o meno) della linea Tav tra le città di Torino (Italia) e Lione (Francia), avete utilizzato le espressioni “Salvini pro-tav? Torni da Berlusconi e non rompa i coglioni” (Di Battista) e “Ridimensionarla? Supercazzola!” (Di Maio). Benché tali enormità espressive siano rivolte a un Vostro alleato di Governo e facciano dunque parte di una patente, nonché patetica, commedia elettorale, è presumibile che il prossimo passo sia quello di eseguire la Marsigliese coi rutti e/o sostenere che i Vostri avversari, interni o esterni, ce l’hanno piccolo (già detto dal portavoce Di Stefano a Emmanuel Macron, peraltro). Sono perciò a pregarVi formalmente, in quanto rappresentanti del mio Paese, di rallentare l’escalation verbale e di attenerVi a un linguaggio più consono alle istituzioni che, contro ogni principio meritocratico, altresì rappresentate. Perché con questo lessico da bettola, questo modus exprimendi da trivio, questa sintassi comunicativa da perenne ora della ricreazione, state gettando un discredito pressoché irrimediabile sulle Istituzioni di cui, incredibile dictu, fate parte.  Traduco: con le parolacce, avete rotto il c…. .
Cordialissimamente, il cittadino Luca Bottura

Leggere di più

Via Crucis dell'oggi

Protestantesimo

daQui

il tempo – Oggi la neve si sta sciogliendo. Ed è sgradevole da sempre per me: quello sgocciolio dai tetti dice una fine, la fine di una bellezza, la fine del tempo bello. Tenendo separati sostantivo e aggettivo – tempo e bello – per dare segno ai tempi, per finalmente sapere di che condizione si vive, e in verità. Checché ne pensano quanti ormai usano beltempo e maltempo come fossero interscambiabili. E infatti, per i quanti, è beltempo se c’è sempre cielo azzurro – o anche cinereo, come succede con l’inquinamento che inevitabilmente si fa con il cosiddetto beltempo: quel che conta è non piova e/o non nevichi. Perché, appunto, è maltempo se piove. Non fa nulla che si soffra per due mesi di siccità: sconfiggete la siccità, ma non toglieteci il beltempo. Di contraddizioni è piena la terra, dice la Bibbia: e non ci si può fare nulla quando la natura si svolge secondo calamità. Ma delle contraddizioni dell’uomo è bene avvertirsi: spiacevoli? è il meno che si possa dire. Pericolose invece. Perché toccano il cuore dell’esperienza conoscitiva della bellezza: certo il cielo di Lombardia così bello quando è bello, e chi lo nega? un cielo azzurro solcato da setose nubi bianche, chi non lo gode? Ma pure un’acquata improvvisa, a catinelle, d’acquerugiola o d’acquazzone, a irrorare la terra, a liberare uomini e donne da quell’elettricità corporea che tocca pure, talvolta e nocivamente  lo spirito – chi non ne gioisce? Solo i quanti che non sanno – e non vogliono sapere – il bene dell’alternanza: oltretutto un dono gratuito  riservato a questa regione climatica in cui ci è capitato di vivere, rispetto ad altre zone meno favorite dalla sorte. Appunto, è la bellezza di cui non si ha più dimestichezza: racchiusi nel presente, incapaci dell’intelligenza che si ciba della diversità. Ditelo a quanti si beano di trasmissioni televisive dove la dignità non è di casa, e la volgarità nutre ore di dimenticanza di sé; o a quanti intendono la propria identità come oppositiva e negatrice dell’altrui:

Leggere di più

Informazioni

La chiesa abbaziale
è aperta dalle 8 del mattino fino al calar del sole.

La Domenica, e nelle feste del Signore e dei Santi, l’Eucarestia si celebra in Abbazia alle ore 10,30.

Per richieste personali al Rettore:
e-mail:
attobianchi@gmail.com
telefono: 035.4362202 (preferibilmente il mattino dalle 7,30 alle 8,30).

Per uso degli spazi della Rettoria:
telefonare o mandare sms al 339.3765458 o inviare mail:
giudittaperico@alice.it

Apertura: tutto l’anno.
Attività: Esercizi Spirituali, Ritiri, Giornate di Spiritualità, Convegni. Ci si può far guidare o da propri referenti o dal rettore dell’Abbazia.Tipologia ospiti: sacerdoti, diaconi, religiose/i, giovani e adulti laici.

Ricettività: 20 posti letto disposti in: 1 camera singola, 1 camera a 5 posti letto singoli, 1 camera a 7 posti letto a castello. Una camera è dotata di servizio privato, le restanti camere sono dotate di servizi in comune.

Servizi: ogni giorno, possibilità di celebrazioni per gruppi.

Casa non attrezzata per accoglienza disabili.

Per disposizione vescovile in questa chiesa ordinariamente non si celebrano sacramenti di battesimo e matrimonio, se non per le persone residenti nella parrocchia_

COME RAGGIUNGERCI:
• auto e bus privati trovano parcheggi su via Fontanella alta e/o via Reg. Teoperga
• treno (la stazione più vicina, Terno, dista 4 Km)
• bus pubblici (la fermata si trova a 2 km)

PER DONAZIONI:
Rettoria s. Egidio
Cassa rurale BCC di Treviglio – fil. Sotto il Monte Giov XXIII
IT34 O 08899 61440 00000 0370654


Il Vangelo secondo Santa Marta

73. Il cristiano deve imparare la saggezza delle carezze di Dio: avere l’umiltà di aprire il cuore per essere guarito dal Signore e altrettanta umiltà e delicatezza per guarire il fratello che gli sta accanto, che ha bisogno del suo aiuto, di un…

Leggere di più

Contrappunti

UN GIORNALISTA dev'essere al di sopra e fuori dai fatti: dev'esserne soltanto testimone e mai protagonista. E deve mettere al centro la notizia, rispettando il pluralismo, la correttezza e il dialogo. Visto quel che succede soprattutto da circa tre…

Leggere di più